Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione utilizzo diverse tipologie di cookie, tra cui: cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); cookie di tipo statico (performance cookie). Cliccando su “Accetta” o continuando la navigazione, saranno attivati i cookie specificati nell’ informativa estesa ai sensi degli Artt. 13 e 14 Regolamento UE 2016/679. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina relativa ai cookie (INFO)

NEWS

 

CARITAS 

š Centro d’Ascolto: ogni lunedì unico orario dalle 17.00 alle 18.00.
per consegnare o richiedere indumenti: tutti i Lunedì dalle 14 alle 16 in via Magenta 1





Per richieste di utilizzo del
Salone Arcobaleno
rivolgersi direttamente alle Rev.de Suore o in sagrestia
verso le 9,00 e verso le 17/18 oppure in Scuola Materna

 

 

 

 

 

 

 


SI EFFETTUANO PICCOLI LAVORI DI SARTORIA
CONTATTARE LA CARITAS

 

 

 

 



seguici su
 

Santo del giorno

  31 Maggio: Santa Petronilla

Anche per santa Petronilla, come per molti santi dei primi secoli, nonostante abbia avuto un culto così diffuso, abbiamo scarse notizie. Quello che è certo che era sepolta nel cimitero di Domitilla nei pressi o nell'ambito della Basilica sotterranea delle catacombe: le fonti archeologiche indicano la più antica testimonianza in un affresco del IV secolo tuttora esistente in un cubicolo dietro l'abside della basilica sotterranea, costruita da papa Siricio tra il 390 e il 395, che raffigura Veneranda introdotta in paradiso, tenuta per mano da una fanciulla al cui fianco è scritto «Petronella Mart(yr)». Secondo la «Passio» dei santi Nereo ed Achilleo composta nel VI secolo Petronilla sarebbe stata figlia di san Pietro e sarebbe morta naturalmente, quindi non martire come invece è segnalato nell'affresco. Il corpo di Petronilla sarebbe rimasto nel cimitero di Domitilla a Roma, fino al 757 quando papa Paolo I lo trasportò insieme al sarcofago che lo conteneva, nella basilica vaticana. (Avvenire)
 Martirologio Romano: A Roma nel cimitero di Domitilla sulla via Ardeatina, santa Petronilla, vergine e martire.

M e d i t a z i o n e

Lo Spirito Santo e la Madonna (dal Catechismo della Chiesa Cattolica)
«Gioisci, piena di grazia»

721 Maria, la santissima Madre di Dio, sempre Vergine, è il capolavoro della missione del Figlio e dello Spirito nella pienezza del tempo. Per la prima volta nel disegno della salvezza e perché il suo Spirito l'ha preparata, il Padre trova la Dimora dove il suo Figlio e il suo Spirito possono abitare tra gli uomini. In questo senso la Tradizione della Chiesa ha spesso letto riferendoli a Maria i più bei testi sulla Sapienza:88 Maria è cantata e rappresentata nella liturgia come «Sede della Sapienza». In lei cominciano a manifestarsi le « meraviglie di Dio », che lo Spirito compirà in Cristo e nella Chiesa.
722 Lo Spirito Santo ha preparato Maria con la sua grazia. Era conveniente che fosse « piena di grazia » la Madre di colui nel quale « abita corporalmente tutta la pienezza della divinità » (Col 2,9). Per pura grazia ella è stata concepita senza peccato come la creatura più umile e più capace di accogliere il Dono ineffabile dell'Onnipotente. A giusto titolo l'angelo Gabriele la saluta come la « Figlia di Sion »: « Gioisci ».89 È il rendimento di grazie di tutto il popolo di Dio, e quindi della Chiesa, che Maria eleva al Padre, nello Spirito, nel suo cantico,90 quando ella porta in sé il Figlio eterno.
723 In Maria, lo Spirito Santo realizza il disegno misericordioso del Padre. È per opera dello Spirito che la Vergine concepisce e dà alla luce il Figlio di Dio. La sua verginità diventa fecondità unica in virtù della potenza dello Spirito e della fede.91
724 In Maria, lo Spirito Santo manifesta il Figlio del Padre divenuto Figlio della Vergine. Ella è il roveto ardente della teofania definitiva: ricolma di Spirito Santo, mostra il Verbo nell'umiltà della sua carne ed è ai poveri 92 e alle primizie dei popoli 93 che lo fa conoscere.
725 Infine, per mezzo di Maria, lo Spirito Santo comincia a mettere in comunione con Cristo gli uomini, oggetto dell'amore misericordioso di Dio.94 Gli umili sono sempre i primi a ricerverlo: i pastori, i magi, Simeone e Anna, gli sposi di Cana e i primi discepoli.
726 Al termine di questa missione dello Spirito, Maria diventa la « Donna », nuova Eva, « Madre dei viventi », Madre del « Cristo totale ».95 In quanto tale, ella è presente con i Dodici, « assidui e concordi nella preghiera » (At 1,14), all'alba degli « ultimi tempi » che lo Spirito inaugura il mattino di pentecoste manifestando la Chiesa.


seguici su

  

 PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.