Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione utilizzo diverse tipologie di cookie, tra cui: cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); cookie di tipo statico (performance cookie). Cliccando su “Accetta” o continuando la navigazione, saranno attivati i cookie specificati nell’ informativa estesa ai sensi degli Artt. 13 e 14 Regolamento UE 2016/679. Per maggiori informazioni consulta la nostra pagina relativa ai cookie (INFO)

NEWS

 

CARITAS 

š Centro d’Ascolto: ogni lunedì unico orario dalle 17.00 alle 18.00.
per consegnare o richiedere indumenti: tutti i Lunedì dalle 14 alle 16 in via Magenta 1





Per richieste di utilizzo del
Salone Arcobaleno
rivolgersi direttamente alle Rev.de Suore o in sagrestia
verso le 9,00 e verso le 17/18 oppure in Scuola Materna

 

 

 

 

 

 

 


SI EFFETTUANO PICCOLI LAVORI DI SARTORIA
CONTATTARE LA CARITAS

 

 

 

 



seguici su
 

Santo del giorno

10 Febbraio: Santa Scolastica Vergine
(Norcia, Perugia, ca. 480 - Montecassino, Frosinone, ca. 547)

È sera ormai, quel 7 febbraio dell'anno 547, quando san Benedetto da Norcia si alza per concludere il suo annuale incontro con la sorella, santa Scolastica, in quella casetta sotto Montecassino, a metà strada tra i monasteri dei due fratelli. Ma la donna desidera che il suo colloquio spirituale con il fratello si prolunghi e scoppia in pianto: un temporale improvviso realizzerà il suo desiderio, che, come nota Gregorio Magno nei suoi "Dialoghi" nasceva da un amore profondo. Un amore per il Vangelo e per l'esempio del fratello: Scolastica, infatti, nata a Norcia nel 480, aveva camminato assieme a Benedetto verso la vita religiosa monastica. E nella sua vita è racchiuso il contributo del mondo femminile alla nascita del monachesimo occidentale. Morì tre giorni dopo l'ultimo colloquio con il fratello. Scolastica ci è nota dai “Dialoghi” di san Gregorio Magno. Vergine Saggia, antepose la carità e la pura contemplazione alle semplici regole e istituzioni umane, come manifestò nell’ultimo colloquio con il suo fratello s. Benedetto, quando con la forza della preghiera “poté di più, perché amò di più”.
Martirologio Romano: Memoria della deposizione di santa Scolastica, vergine, che, sorella di san Benedetto, consacrata a Dio fin dall’infanzia, ebbe insieme con il fratello una tale comunione in Dio, da trascorrere una volta all’anno a Montecassino nel Lazio un giorno intero nelle lodi di Dio e in sacra conversazione.

10 Febbraio: San Guglielmo d'Aquitania Duca  (XII secolo)
San Guglielmo divenne nel 1126 conte di Poitou e duca d’Aquitania. Fu un grande guerriero sempre in lotta contro il re di Francia ma anche conto gli stessi propri vassalli. Appoggiò l’antipapa Anacleto II a detrimento del legittimo pontefice Innocenzo II. Ma San Bernardo, per ricondurlo sulla retta via, durante la Messa gli andò incontro con l’ostia sulla porta della chiesa, ove stava essendo scomunicato, e lo scongiurò di non resistere a Dio. Il duca cadde perdendo i sensi. Quando si riprese si schierò con il Papa. Morì infine nel 1137 presso Santiago di Compostella, in Spagna, nel corso di un pellegrinaggio. Una versione leggendaria vuole che in realtà sopravvisse ancora per vent’anni per morire a Malavalle, presso Grosseto.

 Messaggio del Santo Padre Francesco
per la 28ª Giornata Mondiale del Malato -
11 febbraio 2020§
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11, 28)

Cari fratelli e sorelle,
le parole che Gesù pronuncia: «Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro» (Mt 11,28) indicano il misterioso cammino della grazia che si rivela ai semplici e che offre ristoro agli affaticati e agli stanchi. Queste parole esprimono la solidarietà del Figlio dell’uomo, Gesù Cristo, di fronte ad una umanità afflitta e sofferente. Quante persone soffrono nel corpo e nello spirito! Egli chiama tutti ad andare da Lui, «venite a me», e promette loro sollievo e ristoro… Perché Gesù Cristo nutre questi sentimenti? Perché Egli stesso si è fatto debole, sperimentando l’umana sofferenza e ricevendo a sua volta ristoro dal Padre. Infatti, solo chi fa, in prima persona, questa esperienza saprà essere di conforto per l’altro. Diverse sono le forme gravi di sofferenza: malattie inguaribili e croniche, patologie psichiche, quelle che necessitano di riabilitazione o di cure palliative, le varie disabilità, le malattie dell’infanzia e della vecchiaia… In queste circostanze si avverte a volte una carenza di umanità e risulta perciò necessario personalizzare l’approccio al malato, aggiungendo al curare il prendersi cura, per una guarigione umana integrale. Nella malattia la persona sente compromessa non solo la propria integrità fisica, ma anche le dimensioni relazionale, intellettiva, affettiva, spirituale; e attende perciò, oltre alle terapie, sostegno, sollecitudine, attenzione… insomma, amore. Inoltre, accanto al malato c’è una famiglia che soffre e chiede anch’essa conforto e vicinanza. Cari fratelli e sorelle infermi, la malattia vi pone in modo particolare tra quanti, “stanchi e oppressi”, attirano lo sguardo e il cuore di Gesù. Da lì viene la luce per i vostri momenti di buio, la speranza per il vostro sconforto. Egli vi invita ad andare a Lui: «Venite». In Lui, infatti, le inquietudini e gli interrogativi che, in questa “notte” del corpo e dello spirito, sorgono in voi troveranno forza per essere attraversate. Sì, Cristo non ci ha dato ricette, ma con la sua passione, morte e risurrezione ci libera dall’oppressione del male. In questa condizione avete certamente bisogno di un luogo per ristorarvi. La Chiesa vuole essere sempre più e sempre meglio la “locanda” del Buon Samaritano che è Cristo (cfr Lc 10,34), cioè la casa dove potete trovare la sua grazia che si esprime nella familiarità, nell’accoglienza, nel sollievo. In questa casa potrete incontrare persone che, guarite dalla misericordia di Dio nella loro fragilità, sapranno aiutarvi a portare la croce facendo delle proprie ferite delle feritoie, attraverso le quali guardare l’orizzonte al di là della malattia e ricevere luce e aria per la vostra vita. Alla Vergine Maria, Salute dei malati, affido tutte le persone che stanno portando il peso della malattia, insieme ai loro familiari, come pure tutti gli operatori sanitari. A tutti con affetto assicuro la mia vicinanza nella preghiera e invio di cuore la Benedizione Apostolica.

 
seguici su

  

 PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.